La causa per morte ingiusta di Naya Rivera è stata risolta dalla famiglia oltre un anno dopo il deposito

La famiglia di Naya Rivera sta ricevendo una chiusura . Più di un anno dopo Ryan Dorsey ha intentato una causa per omicidio colposo per conto suo e del defunto Gioia il figlio di 6 anni della star, Josey , ET Canada riferisce che la famiglia ha risolto privatamente la causa contro la contea di Ventura, in California, lo United Water Conservation District e la gestione dei parchi e delle attività ricreative della contea di Ventura per 'morte ingiusta e inflizione negligente di stress emotivo'.

In una dichiarazione rilasciata alla pubblicazione lunedì, l'avvocato Amjad M Khan ha condiviso: 'Nel contenzioso di Josey Hollis Dorsey e della tenuta di Naya Rivera relativo alla morte per annegamento di Naya Rivera l'8 luglio 2020, tutte le parti hanno stipulato un accordo globale , che è subordinato all'approvazione della Corte Superiore di Ventura il 16 marzo'.




'Attraverso questo accordo, Josey riceverà il giusto compenso per aver dovuto sopportare l'annegamento della sua amata madre al Lago Piru', continuava il messaggio di Khan. 'Sebbene la tragica perdita della madre di Josey non possa mai essere veramente superata, siamo molto lieti che l'accordo monetario aiuterà in modo significativo Josey con la sua vita oltre questa tragedia'.

Come forse ricorderete, è stato nell'estate del 2020 quando Rivera è stata dichiarata scomparsa nel lago Piru dopo aver portato suo figlio fuori per una giornata in acqua. Josey è stato trovato solo nella barca che avevano noleggiato, e sua madre lo era scoperto morto diversi giorni dopo, all'età di 33 anni.

Secondo la causa, la morte della nativa della California era prevenibile e la barca che aveva noleggiato non era pienamente conforme alle norme di sicurezza della Guardia Costiera.

Gregg De Guire/Getty Images

'[La barca] non era dotata di una scala accessibile in sicurezza, di una fune adeguata, di un'ancora, di una radio o di qualsiasi meccanismo di sicurezza per impedire ai bagnanti di essere separati dalle loro barche', documenti del tribunale precedentemente ottenuti da E rivelato.

'Inquietante, un'ispezione successiva ha rivelato che la barca non era nemmeno dotata di dispositivi di galleggiamento o di salvataggio, in diretta violazione della legge della California, che richiede che tutti i pontoni più lunghi di 16 piedi siano dotati di dispositivi di galleggiamento'.

È stato anche notato che il lago Piru non aveva alcun cartello affisso per avvertire i visitatori di 'forti correnti, scarsa visibilità, forti venti, profondità dell'acqua mutevoli, grotte sottomarine, sporgenze e dirupi, o alberi, cespugli e altri detriti che congestionano le sue acque a causa dei livelli e dei venti dell'acqua che cambiano enormemente'.

RIP Naya Rivera.

[ attraverso ]