50 Cent reagisce allo sfogo di Jussie Smollett durante la sentenza

La saga di Jussie Smollett sembra essersi conclusa giovedì quando è stato condannato 150 giorni di carcere, che sono inclusi nel periodo di prova federale di 30 mesi che deve scontare. Tutto nasce da un rapporto di polizia dove ha affermato di essere stato attaccato dai sostenitori di Trump , che ha urlato 'MAGA' e insulti razzisti nella sua direzione dopo essersi legato un cappio al collo.


Brian Cassella-Pool/Getty Images

Alla fine, la situazione si è ribaltata su Smollett ed è stato accusato di sei capi di imputazione per condotta disordinata per aver presentato una falsa denuncia alla polizia. È stato condannato per cinque di questi capi di imputazione , e ieri ha ricevuto la sentenza. Non ha lasciato l'aula senza esprimere la sua opinione.

'Non ho tendenze suicide', ha detto Smollett. 'Non ho tendenze suicide. Sono innocente. E non ho tendenze suicide. Se l'ho fatto, significa che ho bloccato il pugno nelle paure dei neri americani in questo paese per 400 anni e nelle paure della comunità LGBTQ. Il tuo onore, io rispetto te e rispetto la giuria, ma non l'ho fatto, e non sono suicida. E se mi succede qualcosa quando entro lì dentro, non l'ho fatto a me stesso! E dovete tutti sapere Quello!'



Mentre usciva, si piegava in due, urlando: 'Non sto suicidando! Sono innocente. Avrei potuto dire di essere colpevole molto tempo fa'.

La clip è diventata subito virale sui social e non ci è voluto molto 50 centesimi per intervenire sulla questione. Sembra che Jussie Smollett abbia ora stabilito il progetto per qualsiasi futuro contenzioso 50 facce. 'Se mai andrò di nuovo in tribunale, non mi interessa se è per una multa per il parcheggio. Lo dirò che NON SONO SUICIDALE, SONO INNOCENTE, POTREI DIRE CHE HO COLPEVOLE TANTO TEMPO FA. come me ne vado', ha sottotitolato il post.

Guarda la clip qui sotto.